lunedì 24 dicembre 2012

Che il vostro Natale...

Che il vostro Natale
sia ritrovarsi,
incontrarsi,
ascoltarsi,
rivedersi con occhi nuovi.
 
Che il vostro Natale sia
un grande abbraccio
luminoso, colorato,
festoso di canti e giochi di bambini.
 
Che il vostro Natale sia

lunedì 10 dicembre 2012

mercoledì 5 dicembre 2012

Quello che le parole non dicono: la coerenza educativa

Nel post sui capricci vi avevo promesso che avrei approfondito il tema della comunicazione e cosa intendessi con fare attenzione ai messaggi che realmente diamo ai nostri bambini e ragazzi, eccoci.
 
Quando interagiamo con i nostri figli ricordiamoci che anche le azioni comunicano ed è importante mandare messaggi coerenti, sia dal punto di vista di accompagnare le parole con azioni congruenti (e vice versa), sia con l’obiettivo educativo che ci stiamo prefiggendo.

Analizziamo una situazione di vita quotidiana. L’altra sera cercavo di  parlare con un genitore, ma il figlio faceva un casino infernale, dopo averlo ripreso un paio di volte senza troppa convinzione, lui ha trovato la soluzione: “Stasera

venerdì 23 novembre 2012

Facciamo insieme: le decorazioni di Natale (idee e tutorial)

Si avvicina il Natale, più che preoccuparci dei regali scartati avidamente in mezz'ora e spesso abbandonati in un angolo della cameretta troppo piena di giochi, possiamo approfittare dell'occasione per iniziare in anticipo a creare decorazioni hand-made (e magari perchè no, di riciclo), per la casa insieme ai nostri bimbi.
ghirlanda di carta riciclataCogliamo l'occasione per sviluppare oltre al rapporto con i nostri piccoli, anche creatività, fantasia, manualità e per rendere accogliente e un po' più festoso il nostro nido, secondo lo spirito natalizio,
qualunque cosa voglia dire per  noi.

palline decorate con la cartaSe poi trovassimo il tempo di fare anche dei

domenica 18 novembre 2012

Papà con la gonna: educazione ed emergenze di genere

Posto in versione integrale un interessante articolo di riflessioni sull'identità di genere in educazione.
Nils Pickert e suo figlio di cinque anni
Faccio una premessa: Certo nel nord Europa si è raggiunta anche un'altra parità: reale. Che senso ha ritrovarsi come nella nostra generazione, educati alla parità, per poi scoprire che nella realtà le donne, soprattutto le mamme, non hanno le stesse possibilità dei colleghi maschi, e ciò che è più grave, dei loro compagni, padri dei loro figli, che magari glielo fanno anche pesare? Consideriamo che da qualche anno il livello di scolarità delle donne ha superato quello degli uomini, ma la loro presenza nei posti di potere rimane infima.
Forse in Italia più che preoccuparsi degli stereotipi bisognerebbe iniziare seriamente a lavorare sulla realtà di genere! E per quanto riguarda l'educazione c'è moltissimo da fare, a iniziare dall'educazione al rispetto dell'altro, la risoluzione pacifica dei conflitti, il contenimento delle pulsioni aggressive, perchè signori, la nostra è una vera emergenza: dall'inizio dell'anno in

venerdì 16 novembre 2012

Paura

La PAURA busso' alla porta,
La SPERANZA andò ad aprire:
non c'era nessuno.
 

venerdì 9 novembre 2012

Persone, cani, bambini...

Trovo singolare questo volantino, c'è qualcosa che non torna anche a voi per caso?
Per molti bimbi di mia conoscenza credo sarebbe più importante la colonna di sinistra, che qui viene data per acquisita, mentre credo che dei cani per lo meno abbiano un certo timore, non fosse altro che per i canini.
Perciò aggiungerei: come i bambini non dovrebbero interagire con le persone, insegnamo loro ad amarle e rispettarle! O anche: come gli adulti non dovrebbero interagire con le persone per dare il buon esempio ai bambini... in certi casi addirittura: come gli adulti e i genitori non dovrebbero trattare i bambini...
Beh, a ogni buon conto la pubblico, sperando che un ripassino sulle regole basilari di convivenza animale, possa tornare utile alla comunità!

lunedì 29 ottobre 2012

Halloween idee fai da te per bimbi e genitori creativi!

http://www.blogmamma.it/2012/10/18/halloween-lavoretti-con-materiali-di-riciclo/

Halloween, una festa che ormai è entrata anche nella nostra tradizione, probabilmente da quando è stato introdotto l'inglese alle elementari e per rendere le cose più divertenti si sono introdotti elementi del folklore e della tradizione giocosi che rendessero più piacevole l'attività didattica.
Non sentiamoci invasi: mai perdere una buona occasione per festeggiare!
Se vogliamo è solo un ritorno di quegli antichi riti pagani da cui trae origine anche la nostra tradizione di Ognisanti, anche se rielaborata in chiave anglosassone!
Vi propongo un po' di immagini di lavoretti carini con il link al
blog a cui troverete le istruzioni per trasformare anche questa occasione in un momento da passare a giocare con i vostri bimbi e se poi voleste anche mandarli o accompagnarli a fare "dolcetto o scherzetto?" perchè no? In ogni modo è meglio non farsi

sabato 27 ottobre 2012

Orme



“Ho sognato che camminavo sulla riva del mare assieme a Dio
ed ho rivisto, uno dopo l’altro, tutti i giorni della mia vita.

Durante il percorso c’erano sulla sabbia quattro orme: le mie e le sue.

Ma in certi punti, proprio quando avevo piu’ bisogno di lui, ho visto solo due orme.

Allora ho detto: io ti ho sempre amato e tu mi avevi promesso che non mi avresti mai abbandonato. Perche’ proprio in quei momenti difficili mi hai lasciato solo?

Dio mi ha risposto: non ti ho mai abbandonato.
In quei momenti io non ti ho lasciato solo.
Vedevi solo due orme perche’ io ti portavo sulle mie spalle

giovedì 18 ottobre 2012

Inclusione, welfare e tagli: i diritti umani non sono comprimibili!


"L’incipit della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani recita: «Tutti gli uomini nascono liberi ed uguali in dignità e diritti». E tuttavia Hannah Arendt, filosofa e storica tedesca, studiosa di teoria della politica scrive: «L’uguaglianza non ci è data, ma è il risultato dell’organizzazione umana nella misura in cui si fa guidare dal principio di giustizia»"


Per un approfondimento di un tema educativo importantissimo come quello dell'INCLUSIONE vi cito alcuni stralci di un articolo che potete trovare in versione

sabato 13 ottobre 2012

Non rispondere!

Rispondo con un po' di ritardo a un'amica che lamenta il fatto che sua figlia le risponda spesso e volentieri per le rime, facendo ciò che le chiede, ma borbottando e spesso solo dopo un confronto anche aspro.
La dinamica è nota credo a tutti i genitori, in particolare alle mamme di figlie femmine (che tengano bene a mente di essere state a loro volta figlie di mamme femmine...).
Di per sè non è negativo che i figli ci rispondano: è sano ed importantissimo che abbiano la necessaria autostima per espriemere il loro parere ed anche il loro dissenso.
Certo: c'è modo e modo! Allora forse più che zittirli con un secco ed autoritario: "Non rispondere!", è

mercoledì 10 ottobre 2012

"Umiliare non è educare" ...ma và!

da: Educare.it (http://www.educare.it/j/community/laltranotizia/2060-umiliare-non-e-educare)

Umiliare non è educare
In Italia, è reato obbligare a scuola un alunno a scrivere per 100 volte sul proprio quaderno “sono un deficiente”. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che ha condannato un’insegnante a un mese di reclusione per abuso di mezzi di correzione.
Per i Supremi Giudici, infatti, questo tipo di punizione, inflitta allo studente per il suo


venerdì 5 ottobre 2012

Facciamo insieme: i biscotti!

Dopo aver giocato con la pasta di sale, perchè non unire l'utile al dilettevole, dedicandoci a creazioni belle e... buone?

E' sufficiente sostituire alla pasta di sale una frolla (possibilmente fatta con l'impastatrice, i pasticceri non rabbrividiscano!) o un buon impasto per biscotti sodo, ma sufficiente morbido da essere manipolabile.
biscotti-serpentosiOltre alle formine per biscotti si possono usare quelle per la pasta di sale ben pulite e se si vuole sbizzarrirsi con le forme più fantasiose, facendo attenzione che altezza e dimensioni siano simili, altrimenti rischiate che qualcuno
si bruci e altri restino crudi. Di solito vengono bene gli animali, fatti con un cerchio centrale e

mercoledì 3 ottobre 2012

Bullismo: non lasciamoli soli


“Non rispetterei quel giovane se lo considerassi soltanto come vittima del destino e come totalmente irresponsabile. In tutti gli atti esiste una parte di responsabilità personale, anche se può essere attenuata dal vissuto familiare e sociale”. L’educatore non vuole abbandonare il ragazzo in balia del suo destino e individua l’elemento attivo su cui può impostare il proprio intervento nella responsabilità personale."

Il fenomeno è sicuramente preoccupante, soprattutto per noi genitori, ma credo sia sempre utile considerare che i nostri ragazzi sono lo specchio di ciò che siamo e stiamo loro insegnando, come genitori, ma soprattutto come società.



Bauman: gli effetti della crisi

"«O, come è già successo nella storia, l'umanità cambia rotta e, per sopravvivere, imbocca una strada alternativa alla crescita» oppure, se l'homo consumens non accetterà, con sacrificio, di tornare indietro, «la natura prenderà il sopravvento e sarà la guerra di tutti contro tutti per la redistribuzione delle risorse».
In entrambi i casi, il processo sarà «doloroso», soprattutto nei Paesi occidentali, dove «lo stato sociale è in via di demolizione». Per Bauman, «non è più una questione di destra o di sinistra», ma di lotta per la sopravvivenza.
Le insidie non mancano, a partire dal capitalismo al tramonto, che «riserva sempre sorprese

venerdì 28 settembre 2012

Il terzo genitore


Se il mestiere di genitore è sicuramente il più difficile al mondo, le cose si complicano un bel po' nel caso delle famiglie ricostruite.
Come comportarsi con i figli della compagna o del compagno?
Come presentare il nuovo compagno o la nuova compagna ai figli?
E se ci fossero anche dei "fratellastri"?
Consigli per evitare di fare la figura della matrigna di tutte le fiabe e trasformare i figli in Anastasia e Genoveffa, dal blog della Psicologa Anna Olivero Ferraris, nel caso lo troviate interesante potete proseguire la lettura con il libro "Il terzo genitore. Vivere con i figli dell'altro."
http://www.annaoliverioferraris.it/famiglia/terzo-genitore.html

martedì 25 settembre 2012

...solo se sognato...

 

C’è pure chi educa, senza nascondere

l’assurdo ch’è nel mondo, aperto ad ogni

sviluppo ma cercando

d’essere franco all’altro come a sé,

sognando gli altri come ora non sono:

ciascuno cresce solo se sognato.

(D. Dolci)

domenica 9 settembre 2012

lunedì 3 settembre 2012

Buon rientro


Buon rientro a tutti!
Augurandoci che le cose belle siano solo cominciate
e che il meglio debba ancora venire.

venerdì 31 agosto 2012

Codice etico nei Nativi Americani

Le immagini e l'introduzione sono più che "opinabili", ma le parole meritano.

"I bambini sono i semi del nostro futuro.

Mettete amore nei loro cuori, inondateli di saggezza e lezioni di vita.

Aiutateli a crescere nell'anima e dello spirito."

martedì 28 agosto 2012

martedì 21 agosto 2012

Buona estate a tutti

"Possano Pace, Amore e Serenità riempire le vostre notti e le vostre giornate"
 Buona estate.

domenica 19 agosto 2012

Omaggio a K. G. Jung

Il bellissimo ritratto colmo di suggestioni e spunti di un uomo eccezionale, capace di andare contro  corrente e di vedere oltre la superficie delle cose.
Di facile comprensione anche per chi non abbia competenze psicologiche, richiede un po' di tempo ed attenzione.

giovedì 16 agosto 2012

Vacanza!

"E' il momento che tu impari a fare qualcosa
tra mangiare e dormire"

Siamo sicuri?

mercoledì 15 agosto 2012

lunedì 6 agosto 2012

Staccare la spina

In vacanza parola d'ordine: staccare la spina, magari anche al televisore!
Potreste scoprire che le giornate sono molto più lunghe e
raddoppiare le ferie a costo zero, che ne dite? Si può provare? La spegniamo?

domenica 5 agosto 2012

CAPRICCI: smontarli è un gioco!


Come vi avevo promesso nel post precedente “Incomprensioni e litigi, i meccanismi del conflitto”, questa volta affronteremo lo scottante tema dei capricci, per concludere in bellezza la “trilogia” di post sui conflitti (iniziata con “Facciamo un patto”: una riflessione sulle strategie per tentare di impostare la relazione con i vostri figli, in modo da evitare il più possibile il conflitto).

I bambini vivono in una dimensione magica a cavallo fra realtà e fantasia, in un universo di emozioni contrastanti ed ambivalenti di cui non hanno piena consapevolezza e dei quali acquisiscono il controllo solo a mano a mano che crescono. Il capriccio è l’espressione di un disagio, una fatica, un’insoddisfazione senza nome, che conosciamo bene perché tante volte assale anche noi adulti,
solo che in genere sappiamo che nome darle, come accoglierla, analizzarla, gestirla.
Di fronte ad un capriccio ricordiamoci anzitutto che i loro punti fermi siamo noi: gli adulti di riferimento, da cui percepiscono di essere dipendenti e da cui in gran parte deriva la loro sicurezza. Siamo noi a trasmettere loro calma, tranquillità, fiducia, oppure paura, ansia, nervosismo… di fronte

venerdì 3 agosto 2012

La lezione della farfalla con i figli

Permettiamo ai nostri figli di fare fatica, di dimostrare a se stessi e al mondo quanto valgono.
Non facciamo l'errore di spianare loro tropo la strada, altrimenti non saranno
capaci di affrontare la vita e di volare!

martedì 31 luglio 2012

Indicazioni del Dalai Lama

Le 18 indicazioni del Dalai Lama per il nuovo millennio, uno spunto di riflessione e di crescita qualunque sia il vostro orientamento di pensiero o religioso.

venerdì 27 luglio 2012

martedì 24 luglio 2012

Vacanza: un grande gioco?

Ci siamo! Valige, canotto, asciugacapelli, sdraio, i 15 libri che non hai letto durante l’anno… come cavolo faremo a far entrare tutto in machina? Grondando sotto al sole si carica l’auto dopo 6 tentativi si trova l’incastro magico che include borsa sotto ai piedi e piantata nelle costole di ogni passeggero, per farci stare il cane.  L’ultima pipì, chiudi casa… hai preso l’acqua? Riapri casa. Finalmente in auto, oh no, l’orso Bobo, risali. Ok adesso ci siamo, l’auto è già stracarica di stress da vacanza, i bimbi iniziano a litigare, perfetto!

Fermi tutti, riavvolgiamo il nastro, così non va. Ricominciamo da capo: la vacanza è un gioco. Ancora una volta affidiamoci ai nostri bimbi, approfittiamo di questi giorni vuoti per sintonizzarci con il loro mondo magico senza tempi, impegni, preoccupazioni. Ritorniamo bimbi con i nostri piccoli, per una vacanza davvero diversa, che magari ci permetta di portare a casa un modo un po’ nuovo di prendere la vita.
A partire dalle valige, proviamo a trasformare tutto in un grande gioco.

Le regole le fate voi, o meglio le concordate voi. Per i più piccini può essere una sacca da riempire di giochi, tutta piena ma solo quella in… parte il timer: 30’? Oppure: trovare in un dato tempo dei giochi che c’entrino uno con l’altro e poi spiegare perché. Oppure fare una lista di tipologie: qualcosa per giocare con la sabbia, qualcosa per leggere, disegnare, ritagliare, qualche pupazzo o bambola con alcuni accessori o vestitini… il tutto che stia dentro una certa borsa. Per i più grandi perché non inaugurare il gioco delle valige? Possiamo preparare una lista (ma anche no):


venerdì 20 luglio 2012

mercoledì 18 luglio 2012

Il messaggio di Ghandi

Riflessioni per costruire nel nostro piccolo tutti insieme un mondo di Pace per i nostri bimbi.

venerdì 13 luglio 2012

Fater and son - Cat Stevens


La traduzione non mi convince del tutto, ma è una bellissima canzone con un testo su cui riflettere.
Io credo che lo spunto possa essere la mancanza di comunicazione, la difficoltà ad assumere il punto di vista dell'altro quando si vivono fasi della vita molto diverse, ma anche qualcosa che caratterizza tutta la relazione fra genitori e figli adolescenti: la voglia di trattenere a sè qualcuno che è un pezzo del nostro cuore, contro il suo bisogno di andare, sperimentare, scoprire, rischiare...
voi cosa ci sentite?
Buon ascolto...

giovedì 12 luglio 2012

Il gioco continua: incomprensioni e litigi, i meccanismi del conflitto

Il sondaggio del mese scorso dava a pari-merito come situazioni di difficile gestione capricci e litigi, che in effetti si possono entrambe racchiudere nella categoria del conflitto. Perciò dopo avervi consigliato di fare dei patti, per cercare il più possibile di prevenire il conflitto, ora vediamo cos’è e come lo si può affrontare positivamente.

Tutte le relazioni sono fatte di dialogo, ma anche di conflitto, che se gestito adeguatamente e contenuto in limiti accettabili, è vitale. Necessariamente ci sono momenti in cui i bisogni entrano in conflitto con la realtà e con quelli di chi ci circonda, i bambini devono imparare a contenere il loro innato egocentrismo ed il loro desiderio sconfinato ed urgente. Guai se li accontentassimo sempre, se non dicessimo mai di no! Sarebbe altrettanto grave che se li contraddicessimo sempre e non dicessimo mai di si!

L’altro giorno una mamma ha affermato “Mio figlio è terribile, non sopporta i no!”  e io ho fatto ridere tutti i presenti replicando: “Lo capisco, io ho 36 anni, ma i no non li sopporto molto neanche adesso!”… la differenza è che da grandi, anche se non fanno piacere, non ci mettono più così tanto in crisi. Sappiamo che di fronte ad un muro, possiamo comunque tentare un’altra strada e abbiamo un concetto di tempo che ci permette di attendere più o meno serenamente, che la situazione si modifichi.

Ai nostri bimbi manca questa visione d’insieme, allora i bisogni diventano urgenze e le negazioni vere tragedie, ma possiamo e dobbiamo insegnare loro che i limiti ci sono e vanno accettati, guai se li lasciassimo in balia dei loro capricci tutta la vita, per non aver loro insegnato a superare le frustrazioni!

Il conflitto è una grande opportunità di crescita per loro e anche per noi, imparare a gestire i conflitti è una delle competenze più utili e più difficili da acquisire. Non rinunciare al proprio punto di vista, trovando comunque delle mediazioni per non sconfinare nella guerra, è utile in qualsiasi situazione di vita.

Il conflitto è buono fino a che permette il coesistere dei diversi punti di vista, in un dialogo che per quanto acceso, è ancora comunicazione. Quando si arriva all’urlo, alla porta sbattuta, all’insulto, all’atto lesivo verso se stessi o gli altri, siamo passati alla guerra: al tentativo di eliminare il punto di vista dell’altro o l’altro in toto. Il meccanismo che ci




mercoledì 11 luglio 2012

La ghiaccianguria o ghiacciacocomera!

Questa volta non mi sono rassegnata a buttare l'ennesima fettona di anguria che avevo in frigo e nessuno voleva... ma non avrebbe retto un'altra notte.
Allora mi è venuta un'idea: l'ho tagliata a fettine per il verso corto, disponendo i triangolini un po' distanziati in una ciotola e l'ho messa in freezer.
Siccome l'anguria è una perfetta base naturale per ghiaccioli essendo quasi tutta acqua, dopo poche ore avevamo degli ottimi ghiaccioli d'anguria freschissimi, gustosi, e sani, che le mie creature hanno molto apprezzato!
Vediamo cosa ne dicono le vostre!

giovedì 5 luglio 2012

Aiuto: prova costume!

Dedicato a tutte le mamme: siete comunque bellissime, non credete allo specchio, guardatevi con gli occhi dei vostri bimbi e siate sempre fiere di voi e di loro... qualunque cosa succeda!

mercoledì 4 luglio 2012

Umiliazione in educazione

Vi segnalo l'articolo:

http://genitoricrescono.com/lumiliazione-come-mezzo-per-educare/

davvero molto interessante anche la discussione che ne segue, sull'uso di internet e facebook.

Sebbene l'articolo non sia che uno spunto, lo userei per un'analisi di caso, vale a dire una riflessione, senza volontà di giudizio o condanna, ma per analizzare una situazione tipo che

venerdì 29 giugno 2012

Affrontare il terremoto con i bimbi


Video molto interessante per i piccoli, ma anche per i grandi.
Molti genitori mi hanno detto che il sisma emiliano ha messo ansia, oltre agli adulti, anche ai bimbi.
Ricordiamoci sempre che i bimbi imparano come reagire alle situazioni dai grandi e che assorbono tutte le nostre angosce, perciò cerchiamo di essere il più possibile ragionevoli e tranquilli.
E' chiaro che nell'epicentro il terremoto fa paura, punto. Ma chi era abbastanza lontando da avvertire

sabato 26 maggio 2012

I bambini fanno oh


Da ascoltare e guardare con i bimbi e riflettere da grandi
che vogliono ritornare un po' bambini per
crescere bene!

domenica 20 maggio 2012

Terremoto: un abbraccio e "Dai il meglio di te"




DAI IL MEGLIO DI TE

Se fai il bene
ti attribuiranno fini egoistici
non importa:
FA IL BENE.

Se realizzi i tuoi obiettivi
troverai falsi amici e veri nemici
non importa,
REALIZZALI.

mercoledì 16 maggio 2012

Il gioco continua: Facciamo un patto!

Dal sondaggio risultano in testa: incomprensioni, capricci e litigi… insomma la macro-categoria: conflitto! Niente di strano: il conflitto è certamente il più grande problema delle relazioni umane!

L’argomento è complesso, cercherò di affrontarlo “a puntate”, iniziando da un primo grande passo: come prevenire i conflitti, soprattutto nelle relazioni educative e con i nostri figli, poi pian piano cercheremo di affrontare il resto… se vi va!

Vostro figlio di 4 anni vuole andare al parchetto all’uscita di scuola, voi avete ancora mille commissioni da sbrigare, sapete di avere 10 minuti, ma che a lui non basteranno e farà capricci per mezz’ora? Gli dite di no subito? Vi rassegnate a stare un’ora al parchetto e rimandate il lavoro a dopo cena? No: provate a fare un patto! Spiegategli la vostra situazione con le parole giuste per un bimbo, concordate che starete poco, che appena lo chiamerete andrete a casa senza capricci, altrimenti la prossima volta non ci andrete affatto, non perché lo punite, ma perché non sa rispettare quel patto. Probabilmente ci sarà una contrattazione, magari non saranno 10 minuti, ma un quarto d’ora, quando lo chiamerete vorrà fare un ultimo scivolo, ma qualche rinegoziazione ci può stare, anche loro vogliono avere potere nella relazione ed è importante che sentano di averlo, poi però a casa col sorriso tutti quanti.

Vostra figlia di 14 anni vuole iscriversi al corso di teatro, ma fa già uno sport e suona uno strumento? E’ assurdo, non troverà più il tempo di studiare, la risposta è no? Vi aspettano qualche urlata, un paio di mesi di bronci e probabilmente qualche votaccio, giusto per dire che se non vuole studiare tanto non lo fa lo stesso, magari sarebbe potuta diventare un’attrice da oscar e ve lo rinfaccerà per anni… Perché non darle fiducia e provare a ragionare insieme? Sarà dura, molto dura, se ne rende conto? Ha già preso due impegni seri e c’è la scuola, probabilmente dovrà rinunciare al tempo libero, alle uscite con gli amici e studiare la sera, ne vale la pena? Non sarebbe meglio rimandare al prossimo anno, magari riducendo gli allenamenti? E’ proprio convinta? Va bene, fate un patto: se cala il rendimento scolastico e l’impegno sulle altre attività o se si renderà conto di non farcela, dovrà mollare il teatro e magari restituirvi il costo del corso, perché i soldi non si buttano per capriccio. Ma tutto sommato se vuole ce la può fare, ne siete convinti (perché siete i suoi più accaniti fans, non ve lo scordate!), dovrà solo organizzarsi bene.





Il conflitto si previene con il dialogo e contrariamente a quello che siamo soliti pensare, la parte più importante del dialogo, non è la produzione di parole, ma l’ascolto. Parlare è produrre parole, ma la comunicazione è fatta di moltissime cose, e quello che trasforma il semplice parlare in dialogo, è l’ascolto. Mettersi in ascolto dell’altro, di tutto ciò che ci dice,

domenica 13 maggio 2012

AUGURISSIMI MAMME!

Dedicato a tutte le Mamme che comunque ci credono e ci provano, anche a rischio di passare per umoriste.
AUGURISSIMI MAMME!